Il giallo di Napoli

Il pozzo e il pendolo

      Si è aperta a Napoli, nel quadrilatero greco romano, la Galleria del Giallo e del Mistero, una libreria con oltre diecimila titoli di cui alcune prime edizioni d'anteguerra, con i Nick Carter e Lord Lister; la collana dell'Agenzia Pinkerton, una fornitissima videoteca con la serie completa di Maigret interpreato da Gino Cervi o Nero Wolf con Tino Buazzelli, una mediateca, una ludoteca, un centro di servizi editoriali, una vetrina di gadget esclusivi, ma anche e soprattutto salotto d'incontro, un teatrino con quaranta posti con uno scenario inedito: dalle cene con il delitto ai mysthè, della prima Compagnia Stabile del giallo; inoltre itinerari del mistero: dallo sportello antimalocchio alle mostre monotematiche.

      E' la prima iniziativa di questo genere su scala nazionale, l'unico polo in giallo e nero di tutto il centro sud. Napoli in giallo che ha rivelato l'insospettabile esistenza di centinaia di scrittori, sparsi lungo lo Stivale, legati al poliziesco e alle suggestioni partenopee. Dietro questo progetto intrigante e impegnativo lo Stagno Incantato, la casa editrice di gialli noir e del mistero. Il Pozzo e il Pendolo, si trova in Piazza San Domenico Maggiore 3, a pochi passi dalla Cappella del principe alchimista Sansevero che con le sue misteriose macchine anatomiche ha sempre intrigato scienziati e appassionati. Un gruppo di lavoro ha trasformato i trecento metri quadri della Galleria, al primo piano di palazzo Petrucci, nel tempio del giallo e del mistero, luogo dalle suggestioni forti e inquietanti.

      Una atmosfera misteriosa nella ricostruzione dell'ufficio di Philip Marlowe, lo studio di Sherlock Holmes con macchina per scrivere e l'immancabile impermeabile ricreati da abili scenografi. Ricco il calendario dei prossimi eventi con i Delitti del venerdi, gli itinerari del mistero, la tombola del mistero.


Home

Napoli, 22/01/2013 ore: 20.59