Libri Favole e leggende della Campania Teatro Sancarluccio

      



      Martedì 13 giugno 2017
Nuovo Teatro Sancarluccio di Napoli ore 18
Presentazione del libro
Angela Matassa
Favole e leggende della Campania
(Homo Scrivens editore)
Partecipano: lo storico Guido D'Agostino
la giornalista-scrittrice Maresa Galli
l'editore Aldo Putignano
Letture di Andrea Carotenuto
Sarà presente l'autrice


      SCHEDA

      Favole, leggende, riti e miti. Storie intramontabili, millenarie e comuni a tutti i Paesi del mondo. Ma non sempre fertili di immaginazione e creatività. La Campania lo è, terra di emozioni, colori e suoni, che nei secoli hanno accompagnato l'invenzione di storie che sono diventate favole universali.

      Questo volume ne raccoglie una buona parte, dividendole per caratteristiche, suscitando la curiosità e l'interesse per vicende e personaggi fantastici che accompagnano il percorso di ciascuno di noi. Sono storie che affondano la loro origine nei millenni e che sono nate non solo per i bambini.

      Il libro spiega le origini, le motivazioni, la potenza della tradizione orale che le ha portate fino ai nostri giorni. Nate dagli antichi miti e rituali magici e religiosi, tramandate di padre in figlio, le fiabe e le leggende napoletane sono passate alla tradizione scritta grazie alla politica culturale angioina che, aprendosi a intellettuali e scrittori, arricchì il 'popolare' nei contenuti e nella lingua.

      Ma questo libro, dal contenuto “tradizionale” è anche modernissimo perché è accompagnato da una delle più attuali tecnologie: una App che consente di conoscere, visitare e apprezzare parte del Centro Storico della città di Napoli, attraverso la descrizione dei luoghi in audio e in testo, con curiosità e leggende che stupiscono.

      Qui, dove la magica Sirena Partenope ha attratto visitatori e appassionati, ammaliandoli con la fantasia, le voci, i canti, le musiche eterne, si può trovare l'origine di favole e percorsi mitici. Intramontabili, anche da oggi in poi.


Home

Napoli, 31/05/2017 ore: 22:49