Medaglia città Enzo Avitabile

      Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha consegnato la medaglia della Città ad Enzo Avitabile come riconoscimento “alla sua straordinaria carriera e agli innumerevoli successi. Avitabile è un gradissimo talento napoletano, è uno degli interpreti contemporanei più grandi che ha saputo mescolare attraverso la musica culture, sacro e profano, tradizione e innovazione. Sa guardare dentro le persone e oltre ogni tipo di confine”. La medaglia viene conferita “all'uomo per l'amore profondo che nutre per le viscere di questa città, per le sue radici, per le periferie, per le sofferenze che non smette mai di denunciare e perché centro del suo messaggio musicale sono valori quali la pace, la giustizia, l'attenzione ai bambini, il coinvolgimento dei giovani”. Acclamato dalla critica e dai fans, dai politici di destra e di sinistra, perché la cultura non ha un colore politico, “Avitabile è il cantore del diritto alla felicità. Enzo è lo sguardo sul mare, gli echi del ritorno alle radici, artista di profonda sensibilità, immensa umanità – come afferma l'assessore alla Cultura Nino Daniele - autore di opere culturali dal valore universale, compositore di parole e musiche uniche per tradizione, innovazione e creatività. C'è nella sua canzone “Black Tarantella” questo sguardo, che poi è lo sguardo di Napoli sul mare, una grande apertura: Enzo ha saputo ricordarci le nostre radici autentiche, trasformare in canto lo sguardo più lungo sul Mediterraneo, sull'Africa”. Sul tavolo, in Sala Giunta, esposti in bella mostra i numerosi premi che Avitabile ha ottenuto nel 2017: per le musiche del film di Edoardo De Angelis “Indivisibili”, Avitabile ha ricevuto due Nastri d'Argento, due David di Donatello, il Premio Ennio Morricone, il Ciak d'Oro, il Globo d'Oro. Spicca il Premio Ubu per le musiche dell'opera teatrale “Vangelo” di Pippo Delbono. “Questa medaglia - ha detto Avitabile - è per me il riconoscimento più importante perché è il premio del cuore. Dedico questo giorno particolare alla mia Napoli, la casa madre, e alla strada che insegna tutto”. Rivolge un pensiero particolare al suo quartiere Marianella, “ma anche a tutte le periferie, alla musica napoletana, da Pergolesi a Pino Daniele, e ai bambini, in particolare ai bimbi siriani che sono molto più coraggiosi di tanti adulti”. La medaglia della Città di Napoli è dedicata dall'artista “alle periferie, tutte, non solo Marianella. A Napoli, la nostra Madre. A tutta la musica partenopea: senza differenze, non esistono cultura e sottocultura”. Ringrazia il suo produttore artistico Andrea Ragone. Nel pomeriggio il quartiere di Marianella rende omaggio ad Avitabile con un murales realizzato da Gofy - altro bagno di folla e di affetto. L'iniziativa è stata promossa da Pro Loco Soul Express Marianella in collaborazione con il Comune di Napoli e la Municipalità. Alla cerimonia presso palazzo San Giacomo hanno partecipato anche amici, giornalisti, consiglieri comunali, familiari di Avitabile. “Nella sua vita – ha detto il Sindaco – Enzo ha saputo interpretare la città che è ricca di bellezze, di umanità, di semplicità, ma mai presuntuosa, doti che sono proprie di ogni napoletano. Un fuoriclasse – ha concluso il Primo Cittadino – deve essere una persona vera, come Enzo”. Ed il critico musicale Federico Vacalebre ricorda gli emozionanti concerti di Avitabile capace di far ballare (per ore!) persone di ogni razza, credo, età, suonando come fosse James Brown, per spaziare dalla musica da camera ai concerti con Afrika Bambaataa, Manu Dibango, Mory Kante, ma anche Battiato, De Gregori, Caparezza, di suonare con i Bottari e di comporre un requiem sinfonico. Protagonista della prossima stagione del Teatro di San Carlo, il musicista lavora ad un progetto su “Le sette ultime parole del nostro Redentore in Croce” di Haydn, e contemporaneamente anche al “Vangelo” di Delbono in versione orchestrale e ancora ad altri progetti tutti diversi e stimolanti. Un artista unico, poliedrico, vero, sempre profondamente ispirato.

      Maresa Galli

      



Home

Napoli, 05/07/2017 ore: 19:59