Procida

L' isola vergine

      

Formatasi dall'attivita' vulcanica dei Campi Flegrei, come d'altronde le altre isole del golfo Partenopeo, Procida e' piccola e pianeggiante, fatta di tufi gialli e grigi e di basalti, densa di agrumeti e vigne. I limoni sono di forma e sapore particolare.

Dal mare si notano in particolare un castello ed una cupola grigia sull'estremita' a nord-est (l' antico penitenziario). All'estremita' settentrionale si nota la Punta Pioppetto, sulla quale e' posto il faro. Una estesa secca si trova sulla costa settentrionale dell'isola, da Punta Pioppetto a Punta della Lingua. Punta S.Angelo, alta ed e' a picco, e' sovrastata dalla mole del castello. Punta dei Monaci, invece, e' nuda, rocciosa, con un Convento che si fa notare per i grandi muraglioni ad archi; a nord di esso c'e' il penitenziario.



      L'isola con pochi posti letto, abitata prevalentemente da marittimi e pescatori e' ancora intatta; troppo dice qualcuno che non vedrebbe male un rilancio in grandre stile. L'isolotto di Vivara, popolato da uccelli migratori per la sosta e la nidificazione e da conigli selvatici, si puo' considerare un'appendice di Procida. Si interesso', di questo isolotto, alcuni anni fa, il Club Mediterranee per farne uno dei suoi famosi centri. La proposta fu subito respinta dagli abitanti e ambientalisti. Da pochi anni, riserva naturale, Vivara resta l'angolo incontaminato dell'isola, nella sua densa vegetazione e nasconde ancora molti arcani archeologici e naturali. Passando attraverso stradine e rampe interminabili di scalini si arriva al rifugio, dove periodicamente ornitologi, zoologi, botanici e archeologi si radunano per i loro studi sulla natura.

      L'approdo dei traghetti e degli aliscafi, da Napoli e da Pozzuoli, e' a Marina grande sulla costa a nord dell'isola. Molto attivo il Diving Center per le esecuzioni subacquee, rilascio di brevetti internazionali, scuola di vela e windsurf, canottaggio. Nel borgo antico la tipica architettura classica delle casette bianche e rosa e la chiesa di Santa Maria della Pieta' di colore giallo chiaro (e' sormontata da una cupola grigia ed un campanile quadrangolare che termina a piramide ed e' munito di orologio).

      Il posto piu' bello di Procida e' in alto, alla Torre Murate dove e' situato l'ex penitenziario. Le spiagge piu' rinomate sono quelle della Chiaia e della Chiaiolella e della Baia di Corricella con sabbia scura e vulcanica. Il piatto forte oltre al pesce che conviene comprarlo di prima mano, al rientro nel porticciolo delle paranze, e' il coniglio.

      


Home

Napoli, 15/01/2013 ore: 16.07