Ravello

      

Ravello, a soli 350 metri sul livello del mare, si trova in splendida posizione, con un panorama mozzafiato sulla Costiera Amalfitana. Splendida la Cattedrale romanica dell'XI sec., con una magnifica porta a formelle, una coppia di fantastici amboni (uno di derivazione bizantina), nella cripta i tesori di un piccolo museo; a poca distanza la chiesa di San Giovanni del Toro con il pulpito in mosaico di Alfano da Termoli, poco più avanti la chiesa in stile arabo di Santa Maria a Gradillo; da non perdere Villa Cimbrone e il Palazzo dei Rufolo dell'XI sec. Villa Cimbrone è famosa per il suo emozionante belvedere, secondo lo scrittore americano Gore Vidal, cittadino onorario di Ravello, il più bel panorama del mondo.



      A Ravello vi hanno soggiornato, tra gli altri, David Herbert Lawrence, autore di l'Amante di Lady Chatterley e Greta Garbo, in fuga d'amore con Leopold Stokowski. Entrando da una torre con cupola costolonata ad ombrello ornata dentro e fuori da decorazioni in pietra ad intarsio ci si inoltra nei famosi giardini di Villa Rufolo, dove sono presenti sculture di epoca romana.

      Sul viale degli oleandri e sul terrazzo del belvedere si può ammirare e godere lo stupendo panorama delle coste di Amalfi che si protende fino a Capo d'Orso. Ravello fu diocesi autonoma e nel duecento importante centro di commerci con l'Oriente. Il 26 maggio del 1880 arrivò a Ravello Richard Wagner che volle qui fermarsi e comporre il suo famoso Parsifal.

      E ogni anno, nel mese di giugno, sulle terrazze di Villa Rufolo, Ravello dedica al suo illustre ospite il Festival musicale. L'atmosfera signorile, tranquilla, capace di affascinare nei secoli tanto Boccaccio quanto Wagner, è ancora evidente a Ravello.

      Verso l'entroterra le viuzze portano alle absidi e ai decori medievali di San Giovanni del Toro, mentre dalla parte opposta Villa Cimbrone, con i grandiosi giardini e panorami di singolare bellezza. Il gusto arabo siculo dei palazzi e delle chiese domina la ridente cittadina.

      Intorno al nucleo iniziale del Festival Musicale, dedicato a Wagner, si sono affiancate e consolidate altre attività culturali come i Pleniluni, le Settimane Internazionali di musica da camera, i concerti di Mezzanotte, le rassegne cinematografiche, gli Incontri con i Conservatori italiani, i recital, gli incontri letterari, le mostre di fotografia, pittura, grafica e design, eventi artistici che si succedono ininterrottamente da giugno a ottobre.


Home

Napoli, 17/01/2013 ore: 20.31