Teatro Diana Stagione 2017/2018

      La prossima stagione del Diana nella quale ricorrono gli 85 anni del teatro vomerese, viene incontro alle richieste mettendo in cartellone undici spettacoli in abbonamento e tre fuori abbonamento. L'animata conferenza, presentata da Claudia Mirra, con Lucio Mirra che ricorda la compianta Melina Balsamo, e i fratelli Giampiero e Guglielmo Mirra, ha visto interventi di Biagio Izzo, Gino Rivieccio, Nando Paone, Lina Sastri, Francesco Cicchella, Mario Porfito, Maurizio De Giovanni, Gabriella Cerino, Riccardo Canessa, Angelo Curti di Teatri Uniti e ancora attori e produttori della prossima e ricca stagione.

      Come per la precedente stagione teatrale il Diana ha totalizzato numeri elevati di spettatori, abbonamenti, giovani che frequentano le “Palestre” dello spettacolo.

      Taglio del nastro il 12 ottobre con “Cavalli di ritorno”, il nuovo spettacolo di e con Gino Rivieccio, scritto con Riccardo Cassini e Gustavo Verde; nel lavoro Rivieccio, che festeggia 40 anni di teatro, affronta il tema dello stalker (Giovanni Esposito) che gli ruba il cellulare per poi ricattarlo. Dal 31 ottobre gradito ritorno per Massimo Ranieri con “Malia”, concerto spettacolo con grandi jazzisti che lo accompagnano: Enrico Rava, Stefano Di Battista, Rita Marcotulli, Riccardo Fioravanti e Stefano Bagnoli. Splendida new entry, per la prima volta al teatro Diana, il 6 dicembre, Laura Morante ne “La locandiera B&B”, uno studio sull'opera di Goldoni diretto da Roberto Andò. Biagio Izzo e Mario Porfito saranno i protagonisti di “Dì che ti manda Picone”, commedia di Lucio Aiello che prende spunto da uno spin off di “Mi manda Picone”, scritto da Elvio Porta per il teatro. “Porta è morto da poco e nessuno si è ricordato di lui – spiega Izzo che conclude - ritengo la cosa ingiusta e ho sentito il dovere di fare qualcosa per lui”.

      Ancora grande musica con “La parola cantata” con Toni e Peppe Servillo ed i Solis String Quartet, in scena dal 9 gennaio 2017. Grande ritorno anche di Lina Sastri che si racconta con lo spettacolo “Biografia in musica, appunti di viaggio”, musica, teatro e danza con vecchi successi e cinque nuovi brani. “Sono autodidatta nella musica – spiega l'artista – ma possiedo l'orecchio assoluto, ho il dono della musica e della danza”. Le proiezioni che accompagnano il suo viaggio sono di Alessandro Kokocinski. Dal 7 febbraio Peppe Barra e Nando Paone (già al Diana al fianco di Salemme e di Preziosi) sono i protagonisti del “Don Chisciotte” di Maurizio De Giovanni, spettacolo ispirato al capolavoro di Cervantes. L'ambientazione è la Napoli nel dopoguerra. Firma la regia Alessandro Maggi, le musiche Patrizio Trampetti. Dal 14 marzo Massimo Ghini, in prima assoluta, propone la sua rilettura di “Operazione san Gennaro”, capolavoro di Dino Risi, omaggio alla Napoli degli anni '60, alla sua melodia. Altra novità in cartellone, dal 4 aprile, Francesco Cicchella, con il suo “Millevoci Tonight show”: firma la regia Gigi Proietti. Imperdibile, dal 25 aprile, “Copenaghen” di Machael Frayn, con Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice. Si rinnova così la collaborazione tra gli attori dopo “Il prezzo”, tanto gradito a pubblico e critica. Gran finale di stagione con la commedia “Non mi hai mai detto ti amo”, con Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia, testo e regia di Gabriele Pignotta. Torna fuori abbonamento l'irresistibile Vincenzo Salemme che ripropone “Una festa esagerata”, successo della passata stagione.

      Grande musica con Eugenio Bennato, il 4 dicembre, con il concerto “Lungo la strada del mondo”, suo nuovo progetto di pace e multiculturalismo. E ancora Carlo Buccirosso, in scena dal 22 febbraio con il suo “Il pomo della discordia” con Maria Nazionale. Torna “Ingresso indipendente”, la commedia di Maurizio De Giovanni con Serena Autieri e Tosca D'Aquino. Intensa la programmazione per le scuole con il nuovo spettacolo di Peppe Celentano, scritto con Gianpiero Mirra, “Generazione Zero”, sul bullismo. Attiva anche la Palestra dello Spettacolo Mariolina Mirra, la Palestra della Musica con una novità: la lirica. Da quest'anno gli incontri musicali saranno aperti all'Opera con il progetto “Opera Talk Show”, per la direzione di Riccardo Canessa che vuole avvicinare i giovanissimi alla lirica.

      Altra grande novità, la Palestra dello Scrittore, a cura di Maurizio De Giovanni e Francesco Velonà. Da quest'anno anche un programma di alternanza scuola lavoro, per ragazzi dai 13 ai 18 anni, con cinque moduli di 30 ore. I giovani potranno coronare il sogno di diventare scrittori, filmaker, editori, autori teatrali – ben preparati alle sfide di domani.

      Maresa Galli

      



Home

Napoli, 19/06/2017 ore: 09:35